Essere Ecologici

107 Visualizzazioni

Semplici e pratici consigli ecologici per essere meno impattanti sul mondo che ci circonda.

Buongiorno Clubberz, vi presentiamo alcuni semplici e pratici consigli che ognuno di noi può seguire per essere meno impattante sul mondo che lo circonda, partendo dal consumo di energia, passando per il giardinaggio sostenibile ed arrivando fino ad una dieta consapevole.

Pronti? VIA!

Risparmia energia elettrica

risparmio energia elettrica

Non sprecare elettricità, oltre ad essere fondamentale per avere meno impatto ambientale, è anche un modo utile per risparmiare denaro, ed è attuabile senza apportare grossi sconvolgimenti al proprio vivere quotidiano. Come?

  • Spegni le luci che non utilizzi;

  • Spegni i dispositivi elettronici che non stai usando (molti di essi, come ad esempio i caricacellulare, consumano corrente anche se solo collegati alla rete elettrica di casa. Il consumo è davvero minimo ed economicamente parlando si tratta di alcuni centesimi risparmiati all’anno per persona, ma ogni aiuto è utile quando si tratta di proteggere l’ambiente);

  • Usa lampadine e apparecchi a basso consumo energetico, e lampadari che montano una sola lampadina, o comunque un numero ridotto di esse;

  • Tieni il termostato basso in inverno (puoi sempre vestirti più pesante) e cerca di non utilizzare l’aria condizionata d’estate. La cosa migliore sarebbe avere un buon isolamento termico, così da non disperdere l’aria calda che il tuo riscaldamento produce, o che il tuo condizionatore rinfresca;

  • Se vivi in una casa con infissi vecchi, può essere utile posizionare dei paraspifferi a porte e finestre; puoi anche mettere dell’isolante termico tra i caloriferi e le pareti dietro di essi, così da riflettere verso l’interno il calore che altrimenti finirebbe nella parete (la maggior parte delle tendine parasole per auto, ha anche questa proprietà termoriflettente).

Spostati senza usare l’auto

Autobus ecologia Clubbez

Le automobili sono tra le principali fonti di CO2 che si possano trovare, e non solo durante il loro utilizzo, ma anche nel processo della loro produzione, del loro rifornimento e della loro manutenzione. Cerca quindi, se puoi, di affidarti il meno possibile all’auto come mezzo di trasporto primario.

  • Usa i mezzi pubblici (tra tutti i mezzi di trasporto, il treno è quello che inquina meno di tutti);

  • Spostati in bicicletta oppure a piedi durante la bella stagione, a trovarne giovamento non sarà solo l’ambiente, ma anche la tua salute;

  • Quando possibile, cerca di condividere l’auto. Se hai colleghi di lavoro o compagni di scuola con orari simili ai tuoi, o che vivono nella tua stessa zona, potete condividere l’auto e dividerne i costi.

Consuma alimenti Km0

Cibo chilometro0 Clubbez ecologia

Il cibo che trovi al supermercato, spesso ha viaggiato per molti chilometri. 

Prima di arrivare sulla tua tavola, può essere stato trasportato su navi, camion, ed infine la tua stessa auto, percorrendo così centinaia, se non addirittura migliaia di chilometri. Se scegli il cibo prodotto vicino a te, ridurrai considerevolmente l’energia e le emissioni necessarie a farlo giungere sulla tua tavola.

  • Cerca mercati artigianali e rionali nella tua zona per valutare le alternative che hai a disposizione. Molti contadini e allevatori si occupano di effettuare la vendita diretta dei loro prodotti, e possono dirti esattamente cosa c’è in quello che mangi;

  • Con un po’ di esperienza, e pazienza, puoi coltivare tu stesso alcune verdure, se hai a disposizione un piccolo giardino o anche solo un terrazzino dove mettere dei vasi con delle piante;

  • Non credere a tutte le pubblicità che ti presentano un prodotto come migliore o più ecologico di un altro solo perché prodotto con la dicitura “BIO”. Spesso tale produzione, seppur adoperi prodotti in genere considerati meno impattanti, ha dei costi in termini di consumo di suolo, consumo idrico ed energetico numerose volte superiore a prodotti ottenuti con tecniche agricole e di allevamento miste, o sostenibili. Su diversi siti specializzati si possono trovare tabelle che spiegano accuratamente quanto costino, in termini ambientali, i prodotti agricoli (vedi approfondimenti *1, *2, *3).

Cerca di comprendere i processi di produzione

Tutto ciò che ti porti in casa ha una storia.

Dall’abbigliamento al mobilio, passando per gli oggetti che utilizzi tutti i giorni, ogni cosa ha dovuto essere prodotta in qualche modo. Prendi, per esempio, i tuoi vestiti, sai con che materiali ed in che modo sono stati creati? Sai quanto hanno dovuto viaggiare per raggiungere il negozio dal quale tu li hai comprati? Informandoti riguardo questi elementi, puoi scegliere in maniera più ecologica, etica e consapevole su cosa vuoi per te ed i tuoi cari.

  • Controlla sempre l’etichetta. Se un oggetto proviene da un altro continente, è stata necessaria una quantità enorme di carburante per farlo arrivare a te. Considera anche che le norme legate alla produzione che regolano la manifattura in paesi dove la produzione ha costi molto bassi, sono differenti dalle leggi in vigore da noi, permettendo ai produttori di sfruttare non solo i dipendenti a dei costi irrisori, ma di ignorare anche le più basilari norme di tutela ambientale. Se ne hai la possibilità, cerca alternative locali;

  • Compra usato. Se non hai necessità di un oggetto nuovo, il mercato dell’usato, o del rigenerato, offre spesso ottimi affari sia in termini di qualità, sia in termini di costi economici, per non parlare della minor energia che è stata necessaria per ottenere qualcosa che altrimenti si sarebbe dovuto produrre nuovamente da zero.

Non sprecare l’acqua

acqua water ecology ecologia Clubbez etica social network

L’acqua è una risorsa primaria che viene molte volte data per scontata, ma prima che possa uscire dal rubinetto di casa deve essere pompata da una sorgente ad una centrale idrica, filtrata e trattata per essere resa potabile, ed infine condotta fino a te. Questo processo richiede il dispendio di molta energia, va da sé quindi che più acqua risparmi, meno sarà il costo energetico ad essa legato, tutto ciò ha una doppia valenza dove in alcune stagioni si è più soggetti al rischio di siccità e scarsità idrica.

  • Non lasciare aperto il rubinetto quando lavi le stoviglie. Usa metodi che richiedano un minor consumo idrico, o quantomeno cerca di aprire l’acqua il meno possibile;

  • Cerca di fare la doccia, anziché il bagno, il quale richiede molta più acqua;

  • Se hai delle perdite in casa, assicurati di ripararle, o almeno di conservare ed in seguito utilizzare l’acqua fuoriuscita;

  • Se ne hai la possibilità non innaffiare il giardino con acqua fresca, lascia che ci pensi la pioggia. Oppure, cerca di raccogliere e conservare l’acqua piovana, per utilizzarla poi per il tuo giardino nei periodi con minori piogge.

Non utilizzare sostanze tossiche

disinfestazione tossico toxic Clubbez

Molti detersivi chimici sono composti da ingredienti tossici e contaminanti per le acque. Quando puoi, utilizza sostanze ecologiche. Alcune si possono anche produrre in casa.

  • Cerca di utilizzare detersivi e detergenti ecologici, composti da sostanze naturali o di origine vegetale, facilmente biodegradabili e comunque non tossiche;

  • Usa versioni naturali di saponi ed altri prodotti per l’igiene personale;

  • Se devi liberarti da un’infestazione di roditori, di insetti, o altri parassiti, cerca di farlo con metodi naturali o comunque evitando veleni che potrebbero danneggiare non solo gli animali infestanti, ma anche gli altri.

Non gettare mai nello scarico rifiuti nocivi

rifiuti tossici ecologia Clubbez etica

Non nello scarico né nel tuo giardino, potrebbero finire per inquinare le falde acquifere.

Sostanze come vernici, oli per motori o lubrificanti, candeggina, ammoniaca e altre soluzioni forti devono essere smaltite nella maniera corretta e consona alla loro pericolosità. Esistono diverse aree apposite dove depositare tali rifiuti che vanno trattati in maniera speciale; assicurati sempre di essere a conoscenza della loro ubicazione nel tuo comune, o in quelli vicini.

Cerca di produrre meno rifiuti

rifiuti trash inquinamento ecologia Clubbez

Troppi rifiuti portano al veloce riempimento delle discariche, non solo inquinando terra, acqua e aria, ma peggiorando le condizioni di vita generali delle zone in cui sorgono. Se si parla di rifiuti, ci sono molteplici modi per avere abitudini più ecologiche.

  • Cerca di preferire prodotti con poche confezioni semplici. I formati famiglia, ad esempio inquinano meno dello stesso prodotto se impacchettato in confezioni singole o monoporzione;

  •  Ricicla e riutilizza il più possibile, inoltre, quando devi per forza buttare via qualcosa assicurati di differenziarlo a dovere, se necessario smontandolo perché tutte le sue parti vengano riciclate nella maniera corretta;

  •  Gli scarti alimentari possono essere compostati. Il cibo da buttare è biodegradabile, non c’è motivo di chiuderlo in sacchi di plastica, se può essere sotterrato perché si decomponga e vada a nutrire il terreno del tuo giardino.

Rendi il tuo giardino adatto a flora e fauna

giardinaggio vita ecologia Clubbez socia network etica

Un modo semplice, ma efficace per essere ecologici. Molti habitat selvatici sono stati distrutti o compromessi dall’uomo, perciò molte specie animali e vegetali hanno bisogno di una mano in più per sopravvivere.

  • Non trattare il giardino con erbicidi e pesticidi;

  • Quando tagli l’erba del prato, cerca di utilizzare macchine elettriche (meno inquinanti di quelle a motore), o ancora meglio, a spinta, e lascia che l’erba tagliata resti ad arricchire e nutrire il giardino;

  • Pianta arbusti e fiori che attraggano farfalle e api;

  • Se ne hai la possibilità, metti degli alberi da frutto nel tuo giardino, potrai avere frutta genuina e a basso costo, ed i frutti che non vorrai consumare tu potranno nutrire uccelli e insetti della zona.

  • Se la zona in cui vivi non è adatta agli alberi da frutto, puoi sempre piantare alberi nativi. L’aria e l’ambiente circostante ne trarranno comunque un gran giovamento in termini di pulizia e salubrità.

Rispetta la vita animale

vita animali natura Clubbez etica ecologia rispetto ambiente

Tutte le specie animali sono preziose e necessarie all’equilibrio degli ecosistemi in cui vivono. Che tu sia o meno un amante degli animali, ci sono diverse cose che puoi fare per migliorare le loro e le tue condizioni di vita.

  • Cerca di compiere scelte sostenibili quando si tratta di consumare carne e pesce;

  • Non difendere a oltranza animali che diventano dannosi perché estranei o troppo numerosi per l’ecosistema in cui si trovano. Se una specie aliena viene introdotta dall’uomo in un ambiente in cui non ha un ruolo naturale, essa finirà irrimediabilmente per romperne l’equilibrio e portare all’estinzione di specie che prima lì vivevano bene ed in armonia.

Considera la possibilità di cambiare la tua dieta

cibo alimenti ecologia sostenibilità Clubbez etica dieta alimenti

Stai attento a quello che mangi!

La produzione di carne per l’alimentazione umana ha finalmente raggiunto dei metodi e processi produttivi rispettosi del benessere animale e della tutela ambientale. Le tecniche di allevamento sostenibile che utilizzano le più avanzate scoperte scientifiche possono garantire l’equilibrio tra la miglior produzione e l’etica del non sfruttamento animale. Ciò avviene, per ora, solo in alcuni paesi (per lo più in Europa e Giappone) dove le normative a cui gli allevatori devono attenersi sono più rigide e tutelano una una produzione di qualità.

  • Quando acquisti carne e pesce, assicurati che provenga da paesi le cui normative rispettano alti standard qualitativi. Sarebbe ancora meglio, per te, conoscere direttamente l’allevatore così che possa informarti direttamente sui metodi che utilizza;

  • Una dieta bilanciata prevede il consumo di carne e pesce in quantità ridotte, ma non assenti;

  • Una dieta completamente vegana, o biologica, ha impatto ambientale maggiore rispetto ad una dieta bilanciata che prevede il consumo di tutti i tipi di cibi, oltre ad essere sconsigliata per alcune tipologie di persone (vedi approfondimenti *4, *5, *6, *7).



Questi sono i nostri consigli su come avere un minor impatto sull’ambiente, alcuni sono più semplici e facilmente attuabili di altri, ma sono comunque tutti validi.

Per altri  spunti ed articoli ecologici continua a seguirci sul nostro blog!

 

Approfondimenti

*1 https://giornalismocomunicazione.wordpress.com/2020/11/27/gli-impatti-occulti-del-biologico/

*2 https://giornalismocomunicazione.wordpress.com/2020/12/22/cibo-bio-e-non-la-differenza-sta-nel-prezzo-non-nei-nutrienti/

*3 https://www.risoitaliano.eu/il-bio-non-sfama-e-inquina/?fbclid=IwAR3vt41VQxZmBl_Z5-KmuKeJKNS5jtGSTR5qwB4hKBsjLgyRHlj3YSpqmAs

*4 https://giornalismocomunicazione.wordpress.com/2020/04/09/zootecnia-e-disinformazione-parte-1-3-lacqua/

*5 https://giornalismocomunicazione.wordpress.com/2020/04/10/zootecnia-e-disinformazione-parte-2-3-competizione-per-il-cibo/

*6 https://giornalismocomunicazione.wordpress.com/2020/04/11/zootecnia-e-disinformazione-parte-3-3-le-emissioni/

*7 https://giornalismocomunicazione.wordpress.com/2020/11/14/benessere-animale-e-braccini-corti/